sabato 21 maggio 2016

Recensione azienda agricola Passiu

Risotto con gli spinaci





L'azienda agricola Passiu nasce a Oristano nel 1975, guidata da Genesio Passiu, si è da sempre distinta nella coltivazione del riso per la sua eccellente qualità e per la cura con cui viene coltivato. Numerosi riconoscimenti sono stati ottenuti nel corso degli anni, tra cui il premio “Pannocchia di riso d’oro” e le medaglie d’oro attribuite nel Concorso Nazionale Produttori di Riso. L'eccellenza del nostro riso si ottiene grazie a fattori come l'area di produzione che trova nella piana del Campidano le condizioni ottimali per la coltivazione, la purezza delle acque che irrigano le risaie e la rotazione colturale che mantiene le proprietà nutritive del terreno. L’autentico Carnaroli e l’intenso Aromatico sono il nostro fiore all'occhiello; siamo ben felici di portarli sulle vostre tavole per rendere i vostri piatti ancora più gustosi e raffinati.

Il riso Carnaroli, appartenente alla famiglia dei “Superfini", è il più utilizzato in Italia e viene considerato da molti Chef e appassionati di cucina il “Re dei risi”. Il nostro riso, ottenuto unicamente da sementi della varietà Carnaroli, nasce dall’incrocio tra le varietà Vialone e  Lencino, si presenta con un chicco di medie dimensioni e di forma allungata. Le sue caratteristiche principali sono l’eccellente tenuta alla cottura, la capacità di contenere perfettamente aromi e condimenti, e infine l’elevata percentuale di amido che lo rende ideale per la mantecatura

Il riso Gange Aromatico, appartenente alla famiglia dei “Superfini", è apprezzato per il suo particolare aroma che si esalta durante la cottura. Nasce dall’incrocio tra le varietà Basmati e Tailandese, si presenta con un chicco affusolato di colore bianco cristallino. A fine cottura mantiene un’ottima consistenza e dei grani ben distaccati tra loro. La sua caratteristica principale è quella di sprigionare una fragranza naturale, percepibile già nei campi durante il ciclo di maturazione e simile al profumo del pane appena sfornato. Oltre ai metodi di cottura classici si presta per la cottura a vapore e al forno.

Il risotto agli spinaci è un primo piatto a base di riso e spinaci molto conosciuto e semplice da preparare. Se realizzato nella stagione in cui si trovano gli spinaci freschi, è veramente ottimo e particolarmente aromatico.

Il risotto agli spinaci prende il suo particolare sapore dal burro utilizzato per il soffritto e dal Parmigiano impiegato per mantecarlo. E' possibile però realizzarne una versione vegetariana utilizzando formaggio da grattugia vegetariano.







INGREDIENTI

  • 200 g di spinaci
  • Sale
  • 1 l di Brodo vegetale
  • 20 g di burro
  • 1 scalogno
  • 160 g di riso dell'azienda passiu
  • 20 g di Parmigiano Reggiano grattugiato




PREPARAZIONE

  • Pulire gli spinaci accertandosi che siano stati scartati tutti i gambi e sciacquare abbondantemente le foglie in acqua fresca corrente. Metterli in una capace pentola, portarli sul fuoco e farli bollire a fuoco moderato per 5 minuti. Non aggiungere altra acqua che non quella che resta sulle foglie dopo il lavaggio. A metà cottura unire un pizzico di sale.
  • Quando cotti, mettere gli spinaci in un colino e pestarli con un cucchiaio in modo da strizzarli e levare i residui d'acqua.
  • Tritarli finemente con la mezzaluna sul tagliere.
  • Scaldare il brodo.
  • In una pentola da minestra mettere il burro, farlo sciogliere e mettervi lo scalogno tritato molto finemente, da far soffriggere a fiamma bassa.
  • Quando lo scalogno sarà ben dorato alzare la fiamma, unire il riso e lasciarlo tostare per un minuto.
  • Unire 4-5 mestoli di brodo bollente e impostare il timer secondo i minuti di cottura del tipo di riso che si sta usando (solitamente 15-18 minuti).
  • Continuare unendo il brodo man mano che viene assorbito, mescolando di tanto in tanto, senza lasciare che il composto si asciughi troppo, altrimenti cuocerebbe male ed in modo discontinuo.
  • 5 minuti prima della fine del tempo di cottura del riso Passiu, unire gli spinaci, mescolare e portare a fine cottura.
  • Spegnere il fuoco, unire il Parmigiano Reggiano grattugiato tenendone un pochino da parte per decorare, mescolare accuratamente e far riposare per un minuto.
  • Servire decorando con il Parmigiano tenuto da parte







Ringrazio l'azienda per questa buonissima collaborazione vi lascio il sito internet 
http://www.agricolapassiu.it/ 

a presto giò

1 commento: